giovedì 29 gennaio 2009

Chi dice cosa

La realtà non è nient'altro ciò che noi consideriamo tale.

- Drew (dal telefilm Vampire High)

mercoledì 28 gennaio 2009

Adolescenzite

Oggi mi è arrivata una mail dalla mia amica Laura, inerente discorsi affrontati durante il fine settimana e, soprattutto, inerente un mio precedente post.

Il testo della mail era più o meno questo:

... e poi vengono a dirmi che "è brutto colme il culo" e "fa sangue se picchiato col bastone" .. vabbè .. scusate ma mi è venuto un attacco di "adolescenzite", abbiate pazienza!!! Adesso appiccicherò la foto sulla Smemo e il poster in cameretta ..

Volete sapere a cosa si riferiva? O meglio, volete vedere a chi si riferiva?

Questa era l'immagine allegata:



Laura .. mi sa che stasera attacco anche io la foto alla porta della mia cameretta!!

lunedì 26 gennaio 2009

Holiday on ice

A volte il tempo è proprio malandrino, sapete? Ci si organizza per passare un sereno fine settimana in montagna, e poter far così visitare nuovi luoghi a nuovi invitati, ed invece ci si ritrova a passare un tranquillo weekend di paura sommersi dal ghiaccio.

Sabato mattina sveglia quasi all'alba (svegliarsi alle 6, per me che solitamente mi alzo alle 8.15, è come svegliarsi nel cuore della notte) e partenza, insieme ai miei nuovi compagni di viaggio, Mirko ed Elisa, verso Torino. Ad accoglierci, chi ancora mezzo addormentato, chi con una bella chioma viola sgargiante, i miei soliti compari: Riccardo, Luca e Laura. Destinazione: Oulx, in Val di Susa.

Ecco, io già non ho un buon rapporto con i valsusini, anzi .. ma visto anche come organizzano le pulizie delle strade e come si mobilitano in caso di nevicate improvvise .. diciamo pure che hanno perso anche quei pochi punti di simpatia che avevano!


Strutture di ghiaccio, ovvero grondaie inutilizzabili

Ma il tempo freddo e le nevicate notturne possono anche essere elementi folkloristici, e passeggiare per le vie del centro coperti di tutto punto (sciarpa, guanti, cappuccio e giubbotto iperimbottito) per poi fermarsi a chiacchierare davanti ad una buona, quanto calorica, cioccolata calda con panna, ha il suo perchè.

Però bisogna sempre inventarsi qualcosa di nuovo per passare allegramente le giornate, o no? Quindi, le nostre menti vulcaniche si sono messe in azione e domenica pomeriggio sono stati indetti i "Giochi senza frontiere invernali". Il gioco del giorno era il "sghiaccia il balcone con lo scopone". Lo scopo? Rompere nel più breve tempo possibile lo strato di ghiaccio che si era formato sul balcone, onde evitare l'allagamento di casa!


Il balcone ghiacciato
 

Chi ha vinto i giochi alla fine? Si può onestamente dire che la squadra ha collaborato come si deve: c'era chi scaldava l'acqua nelle pentole, chi spargeva il sale, chi "rompeva il ghiaccio" e chi "scopava" (via il ghiaccio dal balcone, cosa avete capito?!?).

Ora ci stiamo riproponendo di indire anche i giochi primaverili, inaugurandoli con il "spazza la fanga con la vanga". Si terrà al prossimo disgelo, chi volesse partecipare mi faccia sapere che ci organizziamo!


Katiu, Laura ed Elisa in pausa .. risate!

A parte il ghiaccio, la neve, la rucola in abbondanza e i vicini di casa rompiscatole, il the ai "47 gusti più uno" (stile caramelle di Harry Potter) e i disegni strani di Pictonary, direi che anche per questi due giorni passati al freddo e al gelo mi vedo costretta a ringraziare i miei prodi compagni di squadra. Quindi grazie a tutti .. e per la prossima volta, organizziamoci anche con il premio per il miglior spalatore di ghiaccio!

giovedì 22 gennaio 2009

Cartoons, anime e cartoni animati

Ieri sera solita cena tra amiche. Scambio di opinioni, di risate, di sorrisi e di idee.

Tra un tu-come-stai ed un bene-grazie-e-te, tra un ma-allora-col-nuovo-moroso-come-va ed un ma-non-possiamo-parlare-d'altro-che-mi-emoziono, è stato proposto anche di andare al cinema, magari tutte insieme, a vedere un nuovo cartoon, magari proprio quello che sta per uscire in questi giorni e doppiato da Lorella Cuccarini.

"Mi spiace ma io passo, non è proprio il mio genere" è stata la mia risposta.
"Ma dai, andiamo tutte insieme, ci divertiamo" ha aggiunto qualcuna.
"Ma te la immagini lei a vedere il cartone della principessa? Ma hai visto il suo blog????" ha risposto qualcun'altra.
 
Ma come?!? Io ho passato pomeriggi interi da bambina, al rientro da scuola, a guardare cartoni animati. Nel momento della merenda, davanti al mio tegolino della Mulino Bianco o al mio uovo sbattuto con lo zucchero (già allora avevo bisogno di forza) mi incantavo davanti alle storie di Lady Oscar, La stella della Senna, Georgie, Candy Candy, Mila e Shiro o Mimì.

Certo, a ripensarci ora certe storie erano ben poco credibili .. Una donna soldato, mezza innamorata della regina e mezza innamorata di un nobile norvegese; una fioraia sorella della solita regina; una ragazzina che ha una storia con entrambi i fratellastri (al limite dell'incesto); una bambina innamorata sempre delle persone sbagliate, o partite infinite di pallavolo che, rapportandole ai tempi corretti, sarebbero durate almeno 12 ore. Si parlava sempre di amore, di amicizia, di storie familiari complicatissime ma sempre con il lieto fine, con il sorriso in volto e la lacrimuccia d'obbligo.

Ecco, forse già da bambina ero un po' intollerante a certe scene, ma tant'è che di qualcosa a scuola dovevo pur parlare con le amichette!
Eppure anche ora guardo i cartoons! O meglio, mi sono data più agli anime che ai cartoni veri e propri, però li guardo. Qualche esempio di titolo? Death Note, Evangelion, Escaflowne, Pet shop of horrors.

In questi le storie sono più .. come dire .. alla mia odierna portata. Si parla di Dei della Morte che plagiano un ragazzo umano e che di conseguenza comincia ad uccidere i suoi simili; di robot guidati da esseri umani, che combattono i mostri usando la famosa lancia di Longino; di una ragazzina, catapultata in un mondo parallelo, che si allea con un principe guerriero che vuole difendere il suo mondo; di un piccolo negozio dove il proprietario vende agli sprovveduti acquirenti morte, orrore e sangue.

Certo, le storie sono "leggermente" cambiate. Forse il genere che guardo io ora non è proprio alla portata di un bimbo, ma sempre cartoni sono!

E poi volete mettere a confronto la povera Candy Candy, abbandonata nella Casa di Pony, accompagnata da un procione, che vaga per il mondo alla ricerca dell'amore e della vita perfetta .. con Riuk, il Dio della Morte, che lascia il suo quaderno maledetto a Light, ragazzino modello, giusto per vedere che effetto fa agli umani sentirsi, anche solo per poco tempo, un Dio,
che decide la vita e la morte degli abitanti della Terra?

No no, non c'è proprio paragone!

martedì 20 gennaio 2009

Chi dice cosa

Non ci è dato un desiderio senza che ci sia data anche la possibilità di realizzarlo.

- Walt Disney

lunedì 19 gennaio 2009

La guerra e la rinascita del vampiro

Kathy è una poco di buono, disperata per la tragica perdita del fratellino e bisognosa di soldi per comprarsi la dose giornaliera di eroina.
David è un vampiro centenario, inglese, un po' vecchio stile. Vive rinchiuso nella sua villa, nascosto da tutti e da tutto.
Ma qualcuno lo vuole morto, e viene assoldata Kathy per eliminarlo.

Potrà l'amore nascere tra due persone così diverse? Potrà David aiutare Kathy ad uscire dal buio tunnel della sua vita? O sarà lei a far riscoprire al cupo predatore la passione e il gusto dello stare insieme? Tutto avrà una risposta, ma solo dopo aver sconfitto Ariel, l'ex compagna di David nonchè mandante dell'omicidio.

Michel, nato dall'unione tra il vampiro Andrè e l'umana Carol, ha un dono: oltre ad essere un umano immortale, il suo sangue è ambito da un vampiro centenario, Anthoine, che crede, bevendolo, di poter tornare mortale.
E' lui che gli darà la caccia, e per raggiungere il suo scopo è disposto ad eliminare i suoi "figli", Clohe, David, Andrè e Karl. Con l'aiuto di Gerlinde, compagna di Karl, riuscirà nel suo intento? Potranno mai i nostri amici perdonare il tradimento di Gerlinde?Tutti contro uno, la guerra ha inizio.

L'uomo folle non è quello che ha perduto la ragione, ma quello che ha perduto tutto tranne la ragione stessa.

Ho inziato a leggere il primo libro poco dopo Natale (d'altronde, è una "classica" storia natalizia, no?). A metà del libro, mi sono ritrovata davanti dei personaggi che mi sembrava di aver già trovato da qualche altra parte, ma non ricordavo bene dove. Mi sono immersa allora ancora di più nella lettura, e ho così scoperto che, in realtà, entrambi questi libri fanno parte di una trilogia, quella del Ciclo del Potere, di cui questo era il primo libro.

Storie di lotta, di sopravvivenza e di sangue, ma anche di amore, di amicizia e di lealtà. In queste pagine i vampiri sono proprio come noi umani: si disperano per la perdita di qualcuno, si arrabbiano se si sentono in pericolo, amano fino a spezzarsi il cuore, considerano un amico una parte di sè stessi e lottano per la vita.

Chi dice cosa

Ecco qual'è il problema col futuro: che ogni volta che lo guardi cambia .. perchè l'hai guardato.

- Cris (dal film Next)

giovedì 15 gennaio 2009

Chi dice cosa

Chi vive, non muore mai.
E' chi non vive, che non risorge.

- Don Alberto

martedì 13 gennaio 2009

Reality show .. man!

Ci risiamo, come ogni anno siamo alle prese con i tanto amati/odiati reality show.
E' da poco finita La talpa, si è appena conclusa L'isola dei famosi ed ora tocca al Grande fratello (a che edizione siamo arrivati?) e ad X-factor.

All'inizio li seguivo anche io, quando erano la ventata di novità nei nostri palinsesti televisivi. Ho visto il primissimo Pietro Tarricone con la bresciana Cristina, ricordo Dj Francesco tatuato sperduto sull'isola, la russa Ludmilla impegnata a fare la talpa tra i concorrenti e i semisconosciuti Aram Quartet vincere un inutile contratto discografico (a proposito, ma che fine hanno fatto?).

Erano programmi nuovi, non si sapeva ancora quanto di ciò che si vedeva fosse vero, "reality", e quanto invece fosse programmato, ma andava benissimo così. Piuttosto che sorbirci ancora una puntata di Bruno Vespa, qualsiasi cosa fosse andava benissimo!

Ieri sera è ripartita la gara all'audience tra il GF e il Fattore X. Lo ammetto, ho fatto zapping guardandoli un po' entrambi, col risultato di non aver capito nulla nè dell'uno nè dell'altro (ma poi, c'è qualcosa da capire in questi programmi?). All'improvviso, tra un fornaio bergamasco e un vocalist siciliano, tra una bellona varesina e un gruppo dal nome poco pronunciabile in orari "a prova di bambini", ho capito perchè li guardavo.

O meglio, ho capito cosa stavo guardando con tanto interesse ..



Basta! Entrato lui nell'occhio delle telecamere, non ho capito più nulla. Non c'erano canzoni o porte rosse che potessero reggere il confronto. Perchè d'altronde, quando uno è un Artista con la A maiuscola, va' sempre guardato ed ascoltato, o no?

PS forse è meglio che dica ciò che ripete sempre la mia amica Laura: "Lo guardo perchè fa .. sangue!

domenica 11 gennaio 2009

Chi dice cosa

Io non so chi siete, non so che cosa volete.
Se cercate un riscatto, sappiate che non possiedo denaro.
Però io possiedo delle capacità molto particolari, che ho acquisito durante la mia lunga carriera, e che fanno di me un incubo .. per certa gente.
Se lasciate andare mia figlia, la storia finisce qui: non verrò a cercarvi, non vi darò la caccia.
Ma se non lo farete .. io vi cercherò, vi troverò, e vi ucciderò.

- Brian (dal film Io vi troverò)

mercoledì 7 gennaio 2009

Astinenza

Bentornati a tutti, o forse dovrei dire bentornata a me stessa, visto che manco dal blog da quasi una decina di giorni. Bentornati ai miei vicini di casa, invece, non lo dico, in quanto già da stamattina alle 7.00 erano impegnati a fare la gara di chi urla di più con i figli, ma questo è tutto un altro discorso.

Come sono passate le vostre feste? Le mie sono state sommerse di neve. E per chi sa quanto sia grande il mio "amore" per l'acqua semicongelata che scende dal cielo, può immaginare la mia espressione di gioia nel sapere che il piccolo paesino che ci avrebbe ospitati a Capodanno contava ben 2,5 metri di neve! Aiuto!


Scorcio di Bertesseno - frazione di Viù
 
Tutto sommato i giorni innevati sono passati alla grande. Tra passeggiate mattiniere (dopo una sana colazione a base di caffellatte bollente e biscotti), pranzi a base di pinzini e affettati e cene con polenta e formaggio, partite a Trivial Pursuit (indovinate un po' chi ha vinto quasi tutte le partite?) e gare di Munchkin (gioco di carte infernale!), direi che le giornate sono scivolate via come l'olio .. ops, come lo strutto direi, vista la quantità usata per friggere i pinzini!


Riccardo, Laura e Luca .. e la neve!
 
Ma per non farci mancare nulla, ma proprio nulla, in questo Capodanno piemontese, ci siamo anche guardati il conto alla rovescia su Canale 5, fatto a base di donne nude, di spogliarelli e lapdance improvvisati. Insomma, un inizio anno a base di "tette, culi e cotillon"!

Ma l'importante, come si dice, è la compagnia no?

Quindi GRAZIE a Laura e Luca, per l'ospitalità, per il letto, i biscotti, le risate, la gioia e i regali. Per l'amicizia che ci unisce e per i programmi di viaggio che speriamo di fare insieme.

GRAZIE a Manu e Ric, che sono venuti a trovarci per un paio di giorni, riempiendoci di cibo, di fotografie e di allegria.


Manuela, io, Ricky, Ric e Luca

Uhm .. devo ringraziare qualcun altro? Non mi sembra .... ah sì, forse c'è qualcun altro da menzionare. GRAZIE a Ricky, che malgrado tutto mi sopporterà per un altro anno!

Ora però vi chiederete: cosa c'entra il titolo con il resoconto fatto? Semplice: ieri sera, appena tornata a casa, la prima cosa che ho fatto dopo essermi tolta le scarpe è stato accendere il PC, aprire Gmail, leggere la posta e aggiornarmi in internet. Questa sì che è vita!

PS: se è vero il detto che "quel che fai a Capodanno lo fai tutto l'anno" .... noi vinceremo sempre le prossime partite di Trivial, vero Laura? :)