mercoledì 30 dicembre 2009

Buon 2010

Buon anno fratello! Buon anno davvero!
E spero sia bello sia bello e leggero .. che voli sul filo dei tuoi desideri,
ti porti momenti profondi e i misteri rimangano dolci misteri,
che niente modifichi i fatti di ieri.

Ti auguro pace risate e fatica, trovare dei fiori nei campi d'ortica ..
Ti auguro viaggi in paesi lontani, lavori da compiere con le tue mani e figli che crescono e poi vanno via, attratti dal volto della fantasia.

Buon anno fratello! Buon anno ai tuoi occhi, alle mani, alle braccia, ai polpacci, ai ginocchi! Buon anno ai tuoi piedi, alla spina dorsale, alla pelle, alle spalle, al tuo grande ideale! Buon anno fratello, buon anno davvero!

Che ti porti scompiglio e progetti sballati e frutta e panini ai tuoi sogni affamati.
Ti porti chilometri e guance arrossate, albe azzurre e tramonti di belle giornate .. e semafori verdi e prudenza e coraggio, ed un pesce d'aprile e una festa di maggio ..
Buon anno alla tua luna, buon anno al tuo sole!
Buon anno alle tue orecchie e alle mie parole!
Buon anno a tutto il sangue che ti scorre nelle vene e che quando batte a tempo dice andrà tutto bene ..
Buon anno fratello e non fare cazzate, le pene van via così come son nate ..
Ti auguro amore, quintali d'amore, palazzi e quartieri e paesi d'amore, pianeti d'amore, universi d'amore, istanti e minuti e giornate d'amore!

Ti auguro un anno d'amore fratello mio, l'amore del mondo e quello di Dio.

(Buon anno di Jovanotti)



Buon anno, a tutti .. di cuore.

domenica 27 dicembre 2009

Chi dice cosa

Tanto tempo fa, c'era una ragazza che viveva tutta sola in un'orribile caverna, così lontana da casa da farle dolere il petto. Ed ogni giorno, in quell'orribile caverna, la ragazza cercava solo un modo per scappare .. nessuno dei suoi piani ebbe mai successo, è ovvio, e lei stava perdendo ogni speranza.

Quando un giorno, proprio come in una bella favola, un uomo affascinante giunse lì a cavallo e la portò in salvo, e la condusse nel suo castello.

Ma vedi, nel momento in cui arrivarono al suo castello, l'uomo affascinante andò di nuovo via. Ed anche se non ne aveva intenzione, e non voleva farlo, lassù in quel castello la ragazza costruì per sè un'altra caverna, sperando che lui la salvasse di nuovo.

Ma tu non puoi salvarmi questa volta .. non è vero?

- Fred rivolta ad Angel (nel telefilm omonimo)

mercoledì 23 dicembre 2009

Buone Feste

Nevica, leggera e fredda copre tutte le strade, tutti i tetti.
Il gelo si insinua nelle case, si trasforma in ghiaccio sul selciato e si materializzano ghiaccioli sui lampioni.
Ma la gioia è ovunque. Negli occhi dei bambini, che attendono Babbo Natale e la sua slitta; negli occhi dei genitori, che osservano compiaciuti i loro pargoli; negli occhi dei romantici, che sognano giorni di festa candidamente bianchi.

Ma soprattutto è nei miei occhi, ed in quelli di Tilde che, per la prima volta, vede la neve!


Auguri a tutti i voi, e che i vostri occhi possano sempre essere carichi di gioia!

martedì 22 dicembre 2009

Chi dice cosa

Io non voglio tutto ciò che desidero.
Nessuno lo vuole. Non veramente.
Che divertimento sarebbe, se potessi avere tutto ciò che desidero, senza problemi?
Non avrebbe nessun valore.

- Coraline

Illusioni nella notte

Terzo capitolo della saga dei vampiri Harmony.
Questa volta il protagonista è Damien, immortale da circa 6.000 anni e dedito a passare la sua vita come un eremita, guadagnandosi da vivere facendo il mago illusionista (o perlomeno, cercando di spacciare le sue magie reali ai poveri mortali).

Ma la sua vita viene ad un tratto sconvolta quando due ragazze, volontarie durante un suo show, vengono trovate morte dissanguate.

Lui è il principale sospettato, e sulle sue tracce si mettono i soliti agenti del DPI e Shannon, investigatrice privata amica di una delle vittime. Ma Shannon è anche una predestinata, malgrado ancora non lo sappia nè tantomeno sia a conoscenza dell'esistenza dei vampiri.

Damien cercherà di convincerla della propria innocenza, e con l'aiuto di Eric e Tamara e di Rhiannon e Roland scoveranno il vero assassino. Il quale, però, aveva un conto aperto proprio con Damien, noto millenni prima col nome di Gilgamesh, immortale re dei Sumeri.

Qual'è il mistero che Damien nasconde a tutti?

PS questo è decisamente il capito più avvincente della saga. Ricco di suspance, inseguimenti ed arrabbiature!

venerdì 18 dicembre 2009

10 parole

In questi giorni, leggendo il Corriere, mi sono imbattuta in una specie di sondaggio che hanno fatto tra i loro lettori. Nello specifico essi hanno dovuto indicare quali erano le 10 parole che, secondo loro, meglio rappresenterebbero l'anno che sta per giungere al termine.

Ci ho pensato anche io per qualche giorno, vuoi perchè non avevo altri pensieri costruttivi per la testa, vuoi perchè effettivamente non è facile trovare solo 10 parole. Al momento me ne passavano quantità industriali per la mente, ed allora mi sono messa d'impegno e ho cominciato a sfoltire il lungo elenco.

La conclusione a cui sono giunta è:

1) Facebook. Visto il boom di iscritti a cui si è giunti nell'arco dell'anno e, soprattutto, viste le innumerevoli pagine che immediatamente vengono create non appena un signor qualunque commette un qualsiasi fatto nel mondo.

2) Terremoto. L'Aquila ed altri paesi limitrofi sono stati quasi rasi al suolo, centinaia di persone hanno perso la casa, il lavoro, un famigliare. Negli occhi e nella memoria solo scene di morte, di macerie, di disperazione .. ma anche di speranza, e di rinascita.

3) Crisi. Quella economica a livello mondiale, dove i manager americani se ne tornano a casa con la loro scatoletta di cartone sotto al braccio, dove le banche che producono denaro falliscono, dove i miliardari si lamentano in quanto diventano solamente milionari e dove milioni di persone vengono a stretto contatto con la cassa integrazione.

4) Berlusconi. E' stato lasciato dalla moglie, la quale ora gli chiede un vitalizio miliardario. E' stato con donne diverse, trans od escort che fossero, compiendo atti d'amore che ogni 20enne sogna di fare. E' stato aggredito da un matto alla fine di un convegno, ed ora si ritirerà in Svizzera per una plastica ricostruttiva. Ha fatto di tutto ed anche di più, è perennemente criticato, attaccato, diffamato, accusato e condannato ma alla fine è sempre lì, sopra il suo podio.

5) Vaccino. Ci hanno riempito la testa di nozioni e notizie, di dati e statistiche, di immagini e storie, tutto a causa di un'influenza. C'era chi spingeva la gente a vaccinarsi e chi invece diceva che non serviva a nulla, chi inneggiava al potere curativo del vaccino inventato e chi invece se la prendeva con gli effetti collaterali che produceva, chi obbligava le persone a contatto col pubblico ad iniettarselo e chi convinceva poveri anziani che anche con quello non si sarebbero salvati. Ma al povero maiale, a cui l'influenza l'ha attaccata il pollo che scappava dalla mucca pazza, non ci pensa nessuno?

6) Anniversario. Quello che ho festeggiato io, non troppo tempo fa. E quando penso a come tutto è cominciato, mi sorprendo di come si possa arrivare a tanto, di come la strada di due persone così diverse eppure così uguali si possa incrociare per proseguire insieme.

7) Garlasco. La storia di quella povera ragazza mi esce ormai dalle orecchie. Sangue, computer, bicicletta, telefonata, tesi, pigiama, cugine, Londra, laurea, scarpe, suole, pulizia, macchie. Le parole usate erano sempre le stesse, e tutti ci hanno girato interno senza sapere da dove cominciare ma cercando ad ogni costo di arrivare ad una fine. La fine è giunta, ma è solo un ennesimo inizio.

8) Tilde. Non si può dire che sia arrivata in punta di piedi, in quanto fa un caos allucinante quando si muove. Non si può dire che sia ubbidente, tranquilla, calma, sottomessa, perchè è tutto ed il contrario di tutto. Ma ci ama, ed ogni suo sguardo ne è la prova.

9) Obama. Non tanto perchè è il primo presidente nero della storia americana. Non tanto perchè ha preso un premio Nobel per la pace dopo aver confermato l'invio in guerra di migliaia di soldati. Ma soprattutto per la moglie Michelle, sempre perfetta, sempre colorata, sempre sorridente, allegra, passionaria. Una di quelle donne che riesce a farti credere nel futuro.

10) Serenità. Perchè malgrado tutto ciò che di brutto il mondo offre, malgrado le guerre, le carestie e la morte. Malgrado la crisi, la perdita di lavoro ed i costi elevati. Malgrado l'inquinamento, l'influenza suina, i crack finanziari e la cassa integrazione. Malgrado tutto questo, sono una persona serena, che si accontenta di ciò che ha e vive giorno per giorno amando chi ho intorno .. ed insultando chi non mi va a genio!

E voi cosa ne pensate?
Quali sarebbero le vostre 10 parole per descrivere il vostro 2009?

mercoledì 16 dicembre 2009

Chi dice cosa

Gli uomini coraggiosi sono tutti dei vertebrati: sono morbidi in superficie e duri nel mezzo.

- Gilbert Keith Chesterton

martedì 15 dicembre 2009

Supplizio

Ebbene sì, mi toccherà fare un enorme sacrificio durante le festività natalizie.
Ma proprio un sacrificio enorme, di quelli che bisogna prepararsi psicologicamente qualche tempo prima per riuscire a sopportare certe cose, per riuscire ad organizzarsi e a non farsi prendere dal panico.

Panico sì, perchè dovrò reinventarmi le giornate, riorganizzare appuntamenti, rivedere le mie priorità e risistemare tutti i miei appunti.

Che sofferenza: mi tocca stare a casa dal 23 dicembre al 6 gennaio .. un vero supplizio!

domenica 13 dicembre 2009

Luci e decori, fiocchi e pensieri

Ieri mattina mi sono svegliata praticamente all'alba, in quanto mi ero convinta che entro la serata avrei dovuto portare a termine tutti gli acquisti natalizi.
Sveglia con un buon caffè bollente, lavarsi e vestirsi in tutta fretta e via, destinazione Orio Center.

Sono riuscita ad acquistare tutto quello che mi mancava. Ho sistemato così i parenti stretti, un pensiero per gli amici, un giochino per Tilde e sono anche riuscita a prendere un regalo tutto per me.

Oggi invece mi sono dedicata completamente all'addobbo dell'albero. Sommersa da luci e lucine, palline argento e palline dorate, fiocchi rossi e ganci verdi, in poco tempo l'atmosfera natalizia è riuscita ad impossessarsi di casa nostra.

E così per la prima volta da tanto tempo riesco a non dover fare le corse all'ultimo minuto alla ricerca dei regali dimenticati.

E voi, come siete messe nell'ambito doni?

giovedì 10 dicembre 2009

Regina della notte

Adeguato seguito di questo, ritroviamo qua Eric e Tamara che questa volta, però, sono i co-protagonisti assieme a Rhiannon e Roland.

Rhiannon è una vampira millenaria, figlia di un Faraone d'Egitto e rinnegata dal padre (una prima volta) in quanto la moglie era morta dandola alla luce, e rinnegata nuovamente quando si ripresentò davanti a lui in forma vampiresca. E' testarda, irruente, impulsiva e maledettamente attraente.

Roland invece è un vampiro relativamente più giovane, roso dal senso di colpa di aver fatto morire sua moglie circa un centinaio di anni prima. Ora cerca di vivere in solitudine, prendendosi cura di un Prescelto e cercando di evitare Rhiannon, a cui non sa resistere.

Ma il DPI è ancora alla ricerca dei vampiri immortali, per effettuare ancora i loro esperimenti e vivisezionarli per capire da dove vengono e perchè diventano così.
Si ritroveranno quindi tutti e quattro a sfuggire ai ricercatori e a dare contemporaneamente la caccia a Curtis Rogers, ex collega di Tamara che vuole vendicarsi della morte del padre avvenuta per mano, proprio, di Rhiannon.

La caccia avrà quindi inizio.
Sarà un tutti contro tutti che si potrà risolvere, solamente, andando ad implorare l'aiuto di Damien, vampiro di oltre 6.000 anni.

PS della serie: ora mi tocca leggere anche il terzo capitolo della saga!

domenica 6 dicembre 2009

I glaciali Muse

Venerdì sera ennesimo (ed ahimè, ultimo) concerto della stagione.
Io e la mia prode compagna di avventure Laura siamo andate questa volta ad assistere allo spettacolo degli inglesi Muse.

Io personalmente adoro la loro musica. Il loro rock alternativo, a volte talmente duro da avere l'istinto di tapparsi le orecchie, ed a volte talmente dolce da avere i brividi per le emozioni che ne scaturiscono, mi dà la giusta energia per affrontare certi periodi .. e soprattutto mi sveglia alla mattina quando è al massimo volume in auto!



Il palco quasi centrale, tre enormi colonne ricche di luce. La musica inizia, i riflettori si accendono, e loro compaiono: come tre enormi statue sul piedistallo ecco che si presentano al pubblico, ormai in visibilio.



Nulla è lasciato al caso. I colori seguono le parole delle canzoni, i fasci luminosi battono il tempo e Dominic, Matt e Christopher sono praticamente perfetti. Non viene sbagliata una nota, nessun accordo stonato, la voce sempre praticamente perfetta.



Da Uprising a Resistance, da Supermassive Black Hole a Hysteria, da Undisclosed Desires a Starlight fino a Unnatural Selection, per concludere con Knights of Cydonia. Rock e lentezza, pogare e saltare, ascoltare meravigliati e applaudire fino allo sfinimento. Tutto come dovrebbe essere, ovvero perfetto.



Proprio così: tutto perfetto. Forse, anzi sicuramente, troppo perfetto.
Pochissimi accenni di coinvolgimento del pubblico, un saluto iniziale e quattro parole di ringraziamento alla fine. Tutto qua, nessun applauso richiesto, nessuna parola spesa a spiegare, a raccontare, a far vivere la loro emozione a noi.

Sono inglesi, glaciali, freddi, emotivamente asociali.
Ma assolutamente perfetti.

martedì 1 dicembre 2009

La tomba del diavolo

Siamo nel lontano 1826.
Gabriel, studente universitario di medicina, si trasferisce a Londra da una piccola cittadina di provincia. Tramite la scuola, si unirà ad un gruppo di altri ragazzi che, nel tempo libero, aiutano il signor Tyne a studiare i cadaveri.
Perchè a quel tempo, più di un secolo fa, l'unico modo per poter capire come funzionava realmente il corpo umano era sezionare ed analizzare nei minimi dettagli i cadaveri e capirne le cause del decesso.

Ma se c'era qualcuno che necessitava di persone morte da sezionare, doveva obbligatoriamente esserci anche qualcuno che, con sangue freddo e pelo sullo stomaco, scivolasse di notte nei cimiteri per procurare il materiale di studio, possibilmente ancora fresco e caldo. Quel qualcuno è Lucan, uomo senza scrupoli e senza anima, che non perderà occasione per sfruttare l'ingenuità di Gabriel fino a metterlo nei guai più seri.

Ma Gabriel non ci sta a farsi sottomettere. Reagisce, e tradisce Lucan ed il suo compare Caley, facendo uccidere il primo ed imbrogliando il secondo.
Ma nessun tradimento potrà mai essere perdonato. E la vendetta, lenta e agonizzante, non tarderà ad arrivare. 

Hai mai sentito parlare della credenza indù secondo la quale la vita non viene vissuta linearmente dall'inizio alla fine, ma è un circolo nel quale si muore soltanto per rinascere, ancora ed ancora?

PS ringrazio l'amica che mi ha donato questo libro. Era da un po' che non trovavo certi squartamenti e certi sanguinamenti!