venerdì 27 aprile 2012

30 giorni di musica - parte 2

Eccoci ancora qua, musicalmente rispondendo.

11) Una canzone che ti aiuta a dormire: una qualsiasi del repertorio di Enya, che per me sono di un soporifero allucinante!

12) Una canzone della band che odi: una qualsiasi del repertorio dei Queen. Che non sopporto non per la musica o per il povero cantante, ma perchè venivano ascoltati dall'unica persona al mondo che odio (ed è quindi un riflesso incondizionato).

13) Una canzone che hai conosciuto da poco: Wicked game degli Him, che sto imparando ad apprezzare da pochissimo ma che mi piacciono assai.

14) Una canzone che nessuno si aspetta che possa piacerti: e ora vi sorprenderò rispondendo Benedetta passione della Pausini ... che indovinate un po' chi l'ha scritta?

15) Una canzone che ti descrive: Questo sono io dei Finley. So che la band è da ragazzini, ma il testo della canzone mi descrive al 100%.

16) Una canzone che amavi e ora odi: non ce n'è una in particolare. Diciamo che vado molto a periodi e quindi mi stanco spesso di sentire magari un gruppo e poi passo ad altro. Ma non è detto che non ci ritorni dopo un po' di tempo.

17) Una canzone che vorresti dedicare a qualcuno: La mia ragazza mena di J-Ax .. che è un po' la canzone mia e del moroso.

18) Una canzone che vorresti ascoltare alla radio: il genere metal-rock che ascolto io non è spesso trasmesso alle radio, quindi la mia lista di richieste potrebbe essere troppo lunga.

19) Una canzone dal tuo album preferito: Lithium degli Evanescence. Se volete ascoltarla, spegnete le luci (state nel buio più completo) e chiudete gli occhi .. una goduria!

20) Una canzone che ascolti quando sei arrabbiata: pescate a caso dalla discografia degli Hammerfall. Ascoltatene una e capirete perchè.

Alla prossima settimana!

giovedì 26 aprile 2012

Pulito perfetto

Ieri, mentre la maggior parte di noi ricordava la Liberazione (o mentre qualcuno si chiedeva perchè fosse festa anche al di fuori della propria città), io ero impegnata nei lavori alla casa nuova.

Per la precisione, il mio compito è stato - per la maggior parte del tempo - pulire i mobili nel box in modo tale che si possa iniziare a metterci dentro qualcosa.

Quindi, munita di alcool, carta assorbente, stracci e detersivo per i vetri, rimboccate le maniche e inforcati gli occhiali, mi sono messa all'opera.
Gratta qua, gratta là, sfrega sopra, sfrega sotto, detergi a destra, detergi a sinistra, stà di fatto che c'erano certi segni che non se ne andavano.

Li ho osservati bene da vicino: sembravano delle strisciate, forse di gomma.
E a ben guardare vicino c'erano dei segni - forse l'impronta di un palmo - come di qualcuno che si fosse appoggiato con le mani sporche.
Gratta gratta gratta ma i segni non se ne sono andati.

E allora mi è venuto spontaneo pensare: ma nei telefilm, tutti quei serial killer che ammazzano allegramente la gente e che poi puliscono perfettamente la stanza, talmente perfettamente che la squadra anticrimine che arriva è costretta ad usare piumini e lucine varie per capire dove erano le macchie .. ecco, quei killer lì, non hanno mai pensato di aprire un'impresa di pulizie?

Ok, sono matta, lo so.
O forse è che sto facendo incetta di puntate di CSI in questi giorni e ormai sono fuori di testa?

mercoledì 25 aprile 2012

Casa dolce casa

Weekend passato all'insegna dei lavori nella casa nuova, principalmente sistemando il box che funzionerà anche da magazzino/cantina.
Weekend passato osservando i futuri vicini di casa, ognuno con le proprie piccole manie, ovvero:

  • la signora E. del primo piano, che esce di domenica mattina alle 8.30 tutta vestita elegante, che si ferma davanti al nostro portone e senza peli sulla lingua se ne esce con un che state facendo che sono curiosa? Almeno è sincera .. 
  • la signora del primo piano sotto di noi, che fuma sul balcone ma che profuma anche tutto il vano scale
  • la bimbaminkia figlia della signora fumatrice, che scende in cortile per far girovagare il cane e che non si stacca 3 secondi dal cellulare
  • il cane di cui sopra, tale Briciola - ovvero pincher nero abbaiante e ringhiante che si crede un gigante. Non oso immaginare quando incontrerà Tilde cosa succederà.
  • la famigliola pakistana del piano terra, che hanno 4 bambini praticamente muti e che dalle loro finestre, invece che urla assordanti, esce solamente un profumino assai invitante all'ora di pranzo. La prossima volta chiederò loro di darmi la ricetta.
  • la famigliola del terzo piano, con 1 bambino solo ma che vale per i 4 del piano terra: le sue urla all'ora di pranzo si sentono fino al paese accanto .. e tutto perchè non vuole mangiare gli spinaci.
  • il nonnino del piano terra, che ha già fatto amicizia con mio papà (noto per il suo stile da orso asociale). Comune denominatore: il bottiglione di barbera che dovranno assaggiare insieme.
E, detto tra noi, che io comprassi questa casa era un affare predestinato.
Perchè?
Perchè smontando un vecchio mobile da buttare (dei vecchi proprietari) ho trovato il cofanetto originale del videogames con cui gioco col moroso, completo di tutte le espansioni: se non è un segno del destino questo!

lunedì 23 aprile 2012

Educazione civica

Qualche sera fa.
Chiacchiere tra amici su TeamSpeak mentre ci prepariamo per giocare online insieme.

Si parla del più e del meno: di lavoro, di scuola, di esami in vista, di corrieri che non consegnano i pacchi, di viaggi estenuanti o di colleghi antipatici.

Ad un tratto, il più giovane tra noi se ne esce con un scusate, ma il 25 aprile è festa anche da voi?

Silenzio generale.

Poco dopo, mentre noi cerchiamo di riprenderci dallo schock e scherziamo sulle feste patronali e sulle feste comandate, uno di noi gli chiede ma il 1° maggio sai che festa è?

La risposta?
Il 1° maggio .. è .. è .. lo sapevo che festa è .. ma ora non mi ricordo.

Ma a scuola insegnano ancora l'educazione civica e la storia del paese?

sabato 21 aprile 2012

Dexter - stagione 6

Ecco.
E' giunta la fine.
Ho guardato l'ultimo episodio della sesta serie.
E ora?
Non mi toccherà mica aspettare 1 anno per vedere come continua vero?
Perchè io non so se riuscirei a resistere. La curiosità è troppo grande.

Anche perchè, ammettiamolo ..

spoiler spoiler spoiler spoiler spoiler 
spoiler spoiler spoiler spoiler spoiler
spoiler spoiler spoiler spoiler spoiler
spoiler spoiler spoiler spoiler spoiler

ora che qualcuno ha visto Dexter mentre svolge il suo secondo lavoro, come potrà giustificarsi? Soprattutto visto che è stata lei a scoprirlo ..

Travis: Tu sei l'esempio perfetto di come l'uomo sia diventato marcio davanti agli occhi del nostro Santissimo Dio.
Dexter: Forse. Ma io intanto sono un Padre, un Figlio .. ed un Serial Killer.

venerdì 20 aprile 2012

30 giorni di musica - parte 1

Ma non finiscono più questi 30 giorni di? Ogni settimana me ne trovo uno nuovo .. e la tentazione è forte direi!

1) La tua canzone preferita: senza ombra di dubbio Perdere l'amore di Massimo Ranieri. So che non rientra nei miei soliti clichè, ma ogni volta che la sento ho i brividi.

2) La tua seconda canzone preferita: direi Stupendo di Vasco Rossi, perchè ci vuole quello che io non ho, ci vuole pelo sullo stomaco!


3) Una canzone che ti rende allegro: Rewind, sempre di Vasco. E' una di quelle canzoni che, involontariamente, mi obbliga a pogare. E il moroso ricorderà ancora il terzo anello di S. Siro che tremava all'inizio della canzone.

4) Una canzone che ti commuove: Giovanna d'Arco di Fiorella Mannoia. Ricordo la prima volta in cui la sentii: ero in macchina coi miei, direzione casa in campagna, e mi misi a piangere (lo so, non ero una ragazzina semplice nemmeno all'epoca!).

5) Una canzone che ti ricorda qualcuno: A casa di Luca di Silvia Salemi, del lontano 1997. Era il periodo in cui mi piaceva - guarda caso - uno che si chiamava Luca. E una mia amica me la faceva ascoltare perennemente tutti i giorni.

6) Una canzone che ti ricorda un posto: Dedicato a te delle Vibrazioni, ascoltata fino a consumare il cd durante la vacanza col moroso in Puglia.

7) Una canzone che ti ricorda un momento particolare: ora vi sorprenderò con effetti speciali, e rispondo Madonnina dai riccioli d'oro dell'Orchestra Bagutti. Quando ero ragazzina in estate - in campagna - coi miei andavamo sempre alla varie feste di paese dove si mangiavano la salsiccia e le costine e si ascoltava la musica da sala.

8) Una canzone di cui conosci tutte le parole: tutte quelle di Vasco, ormai le canticchio anche senza avere la musica in sottofondo.

9) Una canzone che ti fa ballare: io ballare? Ma siamo matti? Il moroso una volta ci ha provato a portarmi in un disco-pub .. ce ne siamo andati dalla disperazione visto che stavo perennemente seduta.

10) Una canzone della tua band preferita: Senza fine dei Lacuna Coil, gruppo metal italiano conosciuto ovunque tranne che, ovviamente, in Italia.

Alla prossima settimana!

mercoledì 18 aprile 2012

Verrà la morte

Che io sia un'adoratrice di film horror, che mi piacciano le cose splatter, che adori tagliare il fegato o le bistecche per il sangue che perdono e che aghi-seghe-utensili appuntiti non mi facciano minimamente senso, ormai è noto e arcinoto.

Ma in questi due giorni mi viene un po' da pensare in merito a delle cose che sono successe.

1 - Mia mamma mi ha regalato una poesia. 
Ottimo, direte voi.
Si, peccato che la poesia si intitoli Verrà la morte (di Cesare Pavese) e che cominci con un Verrà la morte e avrà i tuoi occhi per concludere con un scenderemo nel gorgo muti.

2 - Detta poesia era nella cassetta della posta.
Che uno al momento leggendola gli può pure venire un colpo, o spaventarsi a tal punto da immaginarsi orde di persone che lo minacciano e che lo vogliono all'aldilà.
Mia mamma no. Lei semplicemente l'ha letta e me l'ha messa sulla scrivania pensando a lei piacerà.

3 - Oggi sono impazzita per questo.
Voglio dire: chi non vorrebbe un Dexter Morgan, con tanto di sacchetto dell'immondizia e seghetto, sulla propria scrivania? Io sicuramente!

PS non preoccupatevi, la poesia nella cassetta postale non ce l'ha messa il maniaco di turno, ma le volontarie della Compagnia Brincadera, presenti nei giorni scorsi al mio paese per la festa della Madonna.

martedì 17 aprile 2012

Wroom wroom

Ed ecco a voi la vostra elettrauta di fiducia!
Si dice elettrauta vero? Colei che smanetta con gli aggeggi elettrici delle automobili e fa sì che tornino a funzionare? Se sì: eccomi, è il mio nuovo mestiere!

Faccio un passo indietro, per spiegarvi il tutto.
Da circa 3/4 mesi l'auto di mio papà aveva un problema che sembrava irrisolvibile: in pratica, mentre si guidava, di punto in bianco si spegneva. Non è che desse qualche segnale prima, no. Di punto in bianco ti trovavi in mezzo ad un incrocio e si spegneva, ti fermavi al semaforo e si spegneva, facevi manovra per parcheggiare e si spegneva. Che tu stessi andando a 20 all'ora o a 70, si spegneva.

Ora, faccio un'ennesima premessa: la macchina di mio papà è stata immatricolata nel dicembre del 1991 e ha superato brillantemente i 500.000 km (giuro, il tachigrafo non mente!). Ma visto che è l'unico mezzo di trasporto dei miei, e che ora i viaggi più lunghi che fa sono casa-supermercato, casa-ospedale, casa-mercato, casa-parco, doveva (e sottolineo la parola doveva) sopravvivere.

Il meccanico/elettrauto che ci conosce da una vita non sapeva dove sbattere la testa.
Non era la pompa benzina, cambiata quasi 1 anno fa.
Non era la batteria, cambiate in garanzia meno di 1 anno fa.
Non era il motore, che dopo averlo messo sottosopra e girato come un calzino, era perfetto.
Non era il cambio, che funzionava perfettamente (anche se a volte ti rimane in mano il pomolo).
Non era il minimo, che anche se si viaggia a 5 allora rimane in asse.
Non era l'accensione, che anche se tossisce ogni volta che vede avvicinarsi la chiave, il suo mestiere lo fa.
Non era praticamente niente.
Anche perchè, come tutte le cose indemoniate, i difetti li tirava fuori solamente con mio papà alla guida, mentre con il meccanico, ovviamente, no.

Ora, il meccanico sa che esiste internet?
Mi sa di no, perchè a me è bastata mezza giornata (dopo essermi stancata di sentire mio papà maledire il meccanico incompetente) per trovare forum e siti e pagine intere di gente con il suo stesso problema. E tutti avevano risolto il problema cambiando il relè della pompa benzina (non sapevo nemmeno cosa fosse io ..).

Detto fatto, stampati i fogli, dati al meccanico (che il mattino seguente ha anche osato chiamarmi per chiedermi scusa, sai mica qual'è il numero del relè che devo cambiare?) e pezzo cambiato.

Ora sono 3 settimane che l'auto non ha problemi.
Si accende quando deve e si spegne quando deve.

Che debba cambiare mestiere?
O che sia il meccanico a doverlo cambiare?

venerdì 13 aprile 2012

30 giorni di libri - parte 3

Anche questo botta e risposta letterario è giunto al termine.

21) Un libro che ti ha consigliato una persona importante per te: difficilmente mi lascio consigliare, anche se la persona è importante. Ci sono i libri della saga della Spada della verità che mi sta prestando il moroso, ma lui non me li sta consigliando .. diciamo che mi ha obbligato a suon di stressamenti!

22) Un libro che hai letto da piccola: Il giardino segreto, la classica storia della ragazzina che trova il giardino nascosto della zia morta etc. etc. Di una tristezza allucinante.

23) Un libro che credevi fosse come la gente ne parlava ed invece sei rimasta delusa/colpita: Il codice Da Vinci, di cui tutti ne parlavano come fosse un libro da premio Pulitzer .. ed io invece l'ho trovato solamente mediocre.

24) Un libro che ti fa fuggire dal mondo: tutti! Quando leggo io mi estraneo ed entro completamente nella storia, tra i personaggi ed i luoghi descritti in quelle pagine.

25) Un libro che hai scoperto da poco: non sono mai molto al passo con le novità. Diciamo che mi lascio sorprendere ogni volta che entro in una libreria senza aspettarmi mai chissà che cosa.

26) Un libro che conosci da sempre: la Bibbia. Anche se conoscere non vuol dire necessariamente aver letto!

27) Un libro che vorresti aver scritto: Il divoratore, della Ghinelli. Un bellissimo thriller italiano che unisce le credenze dei bambini alle paure degli adulti. In pratica ciò che ognuno di noi pensa ma che non ha il coraggio di vedere nero su bianco.

28) Un libro che farai leggere ai tuoi figli: ai figli degli amici consiglierò sicuramente Dracula di Bram Stoker, un'ottima storia d'amore ed il precursore di tutti i libri paranormal che girano in questi anni.

29) Un libro che devi ancora leggere: ce ne sono un'infinità. Giusto sabato scorso scorgevo in liberia i nuovi capitoli di acune saghe che sto leggendo .. e mi è venuto male al portafogli!

30) Un libro che ti ha commosso: sarebbe scontato rispondere Io & Marley, quindi vi sorprenderò e dirò I draghi dell'alba di primavera, dove si narra della morte del nano Flint .. lì la commozione mi ha portato a singhiozzare spudoratamente in treno, in mezzo ai viaggiatori che mi guardavano come fossi matta.

Ora tocca a voi!

martedì 10 aprile 2012

Tru calling

Lo ammetto: c'è stato il periodo telefilm-revival e mi sono riguardata completamente Tru calling, vecchio di almeno 10 anni.

All'epoca non fece nemmeno successo, tanto che dopo solo 6 episodi della seconda stagione venne interrotto bruscamente. Senza una spiegazione, senza un episodio conclusivo, senza un minimo accenno ad un finale degno di questo nome.
Certo, nella prima serie si sono dilungati un po' troppo su alcuni particolari che magari potevano anche tralasciare, ed al contrario non hanno spiegato subito a cosa si riferiva la trama principale, ma tant'è ..

La storia è abbastanza semplice: Tru, la protagonista, studentessa di medicina, scopre di avere un dono magico. In pratica, alcune persone morte (da poco, e che vengono portate nell'obitorio dove lavora) possono chiederle aiuto e lei, rivivendo completamente la giornata, può salvarle. Ad aiutarla ci sarà il fratello fannullone, la sorella in carriera col vizio della cocaina, l'amica svampitella e il direttore dell'obitorio.
Peccato che ad un certo punto comparirà Jack. Lui ha lo stesso potere di Tru, ma invece che salvare le persone dalla morte, rivive le giornate per farle andare come dovrebbero, ovvero facendole morire. E peccato che Jack sia in affari col padre di Tru, e che entrambi nascondano un segreto.

Perchè il dilemma attorno al quale il telefilm - in teoria - gira è il solito: lei salva le persone morte cambiando così il loro destino e quello delle persone che hanno attorno. Lui cerca di lasciare che il fato si compi.
E chi dei due ha ragione? E' giusto fare tutto il possibile, addirittura tornare indietro nel tempo, per salvare qualcuno che il destino voleva morto? O è giusto far sì che il fato segua la sua strada?
E chi sono loro - o noi - per decidere chi meriti la vita e chi meriti la morte?

La morte non è una cosa che si desidera: prima o poi arriva comunque. (Jack)
Per ogni forza ve ne è una uguale e contraria. (Davis)

domenica 8 aprile 2012

Pasqua in technicolor

Buona Pasqua a tutti, e non mangiate troppo cioccolato mi raccomando .. che altrimenti il mese prossimo mi ritrovo ancora i conigli ancora tra le ricerche!

venerdì 6 aprile 2012

30 giorni di libri - parte 2

Altro giro, altro regalo!

11) Un libro che prima amavi ed ora odi: ma che domande sono? Non c'è nessun libro che prima mi piaceva ed ora non più. Magari semplicemente non sono più molto adatta alla storia, ma dire che non mi piaccia ..

12) Un libro che non ti sancherai mai di rileggere: nessuno. Fino ad ora non ho mai riletto un libro, sarà che la mia memoria è troppo vivida?

13) Il libro che in questo momento hai sulla scrivania: La spada della verità volume terzo. Un malloppo di quasi 600 pagine che mi ha prestato il moroso.

14) Il libro che stai leggendo in questo momento: quello della domanda precedente. In giro tengo solo il libro che leggo in quel periodo, tutti gli altri sono custoditi gelosamente nelle librerie in camera.

15) Apri il primo libro che ti capita tra le mani ad una pagina a caso e inserisci la prima foto e la prima frase che ti salta agli occhi: allora, l'immagine è questa, la frase è noi non siamo il corpo, noi siamo i pensieri tratto dal libro delle due domande precedenti.

16) La tua copertina peferita: non sono una che si lascia condizionare dalle copertine. A volte ce ne sono di bellissime ma nascondono trame pessime, e a volte ce ne sono di orrende che celano storie affascinanti. Mai fermarsi alle apparenze!

17) Il personaggio con cui ti vorresti scambiare di posto per un giorno: a primo acchito direi Helena de Il diario del vampiro, solo per vedere Damon .. ma se torno seria, direi  Conor de Sette fiori di senape, per vedere cosa si prova ad avere il coraggio di mollare la propria vita conosciuta per ricominciarla dall'altra parte del mondo.

18) Il primo libro che hai letto: Zio computer, un libro per bambini che c'era nella libreria in classe alle elementari. Non ricordo la storia, ma la copertina era azzurra e c'era un mega faccione in primo piano a forma di monitor.

19) Un libro il cui film ti ha deluso: tutti. Qualsiasi film tratto da un libro non è alla sua altezza, sia che il libro sia bellissimo sia che il libro non lo sia. Perchè un conto è leggere vedendo le scene con la propria fantasia, un conto è vedere le scene con la fantasia di qualcun altro.

20) Un libro dove hai trovato un personaggio che ti rappresentasse: come ho detto settimana scorsa, tutti e nessuno. Sono talmente sfaccettata e variegata (come la torta) che è difficile trovare una sola persona uguale a me.

A settimana prossima!

mercoledì 4 aprile 2012

Numbers and research

Mese nuovo, ricerche vecchie.
I miei lettori non hanno molta fantasia in questo periodo, sarà che la primavera fa addormentare un po' tutti?
  • Fantasmi: casa mia ne è piena, spero solo che non traslochino insieme a me tra qualche mese!
  • Foto di Satana: non ama molto farsi immortalare, preferisce stare al calduccio del suo inferno. Sai com'è, è un uomo freddoloso!
  • Coniglio pasquale: ma con le patate al forno o di cioccolato?
  • Alassio spiaggia: di sabbia, lunghissima, larghissima, piena di ombrelloni il cui costo di noleggio è pari ad una rata del mutuo.
  • Galatine: non me ne hanno più portate in ufficio, sarà che non volevano che le mangiassi tutte io?
  • Volemose bene: grazie, anche io te ne voglio! Ma solo se imparerai a parlare in italiano e non in dialetto.
  • Ragazzo bello: biondo o moro? Alto o basso? Magro o grasso?
  • Pasqua Audi: mi spiace, non ho quella marca di auto, e sinceramente non l'ho mai avuta. Dici che si può usare solo a Pasqua?
  • Vin Diesel foto gambe: ma con tutto il bendidio che ha quell'uomo proprio le gambe gli vai a guardare?
E ora saluto come al solito il visitatore montenegrino, il filippino, l'ungaro, il brasiliano, lo statunitense, il tedesco ed il lontanissimo sanmarinese!

lunedì 2 aprile 2012

Possessed or not possessed?

Sono tornata!
Oddio, qualcuno di voi magari non si è nemmeno accorto che mi fossi allontanata, vero? Però è così: sono tornata da 1 mese di reclusione.
Il mio adorato PC si era completamente rotto, e per più di 30 giorni ho dovuto usare un PC portatile di riserva. Non che abbia niente contro questo portatile, ma se pensate che il suo nome è scamuffo (ovvero mal fatto) è tutto detto: ci impiegava 2 minuti buoni per aprirmi una pagina internet, non caricava correttamente i widget dei blog, per non parlare che si rifiutava completamente di aprirmi le foto. Poverino, d'altronde avrà almeno 10 anni, compatiamolo.

Ma tutto questo è nato dal fatto che un bel giorno il mio vero computer ha smesso di accendersi.
O meglio: diciamo che già prima c'era tutto un rito di sciamanesimo alla massima potenza per accenderlo, ma un bel giorno si è rifiutato anche davanti al centesimo inchino e stop. Morto. Spento. Deceduto.

Che poi, a detta del moroso, era un computer indemoniato, impossessato da chissà quale cattiva aurea.
O è la casa che è impossessata? Perchè ci è venuto anche il dubbio che fosse colpa della nuvoletta di Fantozzi posta sul tetto, che faceva saltare la luce o che creava sbalzi allucinanti di tensione elettrica.
O sono io che ho l'aurea maledetta attorno? Anche perchè di case ne ho cambiate due fino ad ora (da quando ho un computer, ovvero da circa 15 anni) e di cose strane ne sono sempre successe. Cosa?

1 - Un hard disk rotto. E con un errore strano - tale int 13h - che appariva a video. Senza, ovviamente, la possibilità di accedere in alcun modo a ciò che c'era dentro, sia esso un sistema operativo o dei dati salvati. Come se si fosse blindato per paura che gli succedesse qualcosa. Buttato, con tutto ciò che c'era dentro.
2 - Un hard disk rotto. Che già romperne uno è cosa memorabile. Romperne due è quasi da guinnes dei primati. Questa volta colpa di alcuni cluster danneggiati. Recuperato il recuperabile (ovvero poco o niente) e buttato. Addio.
3 - Monitor fritto. Ma nel vero senso della parola. Tanto che un minuto prima funziona ed il minuto dopo comincia a fare bzzzzz bzzzzzz e, dopo una bella scarica visiva a video con tanto di scintilla, si è rotto. E fumava pure.
4 - Scheda video deceduta. Di punto in bianco uno sta lavorando e ciak! Tutto si spegne, senti puzza di bruciato, vedi del fumo uscire dal case e pensi ops, forse si è rotto qualcosa. Non si è mai capito cosa abbia contaminato questa scheda.
5 - Alimentatore cotto. Nel senso che di punto in bianco non ha più passato la corrente ai componenti interni. Probabilmente aveva preso una scarica elettrica, o uno sbalzo di tensione troppo potente, ed è passato a miglior vita senza darmi neppureil tempo di salutarlo.
6 - Modem e telefono arsi vivi. Fulmine che ha beccato in pieno il tetto di casa nostra e, se noi manco ce ne siamo accorti, così non si può dire dei due poveri oggetti citati prima che - ahimè - sono praticamente bruciati.
5/6 bis - Inserimento gruppo di continuità. Visto tutto quello che era successo prima, con elementi bruciati, scariche elettriche, fulmini e saette, il moroso ha preferito inserire a monte - per salvaguardare un po' tutto - un gruppo di continuità.
7 - Inserimento 157.412 ventole. Perchè nella casa nuova (dove sono ora) in estate camera mia si trasformava in un sauna. E visto che l'innalzamento della temperatura causava spegnimenti improvvisi, abbiamo ovviato mettendo dentro .. uhm .. se non ricordo male almeno 4 ventole. Oltre alle 2 di serie.
8 - Cambio case. Perchè ovviamente con tutte quelle ventole interne faceva un baccano che manco un tir che trasporta ghiaia fa così tanto rumore. E allora si cambia: case nuovo, alcuni componenti interni nuovi, più silenzioso.
9 - Cambio monitor. Perchè un bel giorno il mio caro vecchio monitor argentato ha deciso di cadermi sulla tastiera. Sarà stato il fantasma, sarà stato chi volete, ma senza toccarlo si è rotto il supporto. Sbam!
10 - Cambio alimentatore. Ancora direte voi? Ebbene sì, perchè anche nella casa nuova, anche col gruppo di continuità, il PC faticava ad accendersi. Forse aveva pochi watt rispetto a quelli richiesti pensa il moroso.
11 - Rito sciamanico per l'accensione. Ovvero si spegne il gruppo di continuità. Si aspettano 5 minuti. Si accendo il gruppo di continuità. Si conta fino a 5. Si accende il computer. E se tutto va bene puoi lavorare. Altrimenti spegni. Conti fino a 10 e ripeti l'operazione precedente.
12 - Scheda madre nuova. Perchè si sa, se l'alimentatore è nuovo, e tutto il resto - scheda video, hard disk, scheda audio - funziona ma il computer fatica ad accendersi, allora è colpa sua. Che non parla correttamente con gli altri interni, forse. O forse non ha più voglia di lavorare.
13 - Computer nuovo. Finalmente. Perchè anche dopo l'ultimo cambiamento nulla è cambiato, e anzi: ad un certo punto ha smesso di comunicare. Nero. Fermo. Immobile. Silenzioso.

Ora il moroso è indeciso se dare la colpa di tutto ciò a:
1 - il gruppo di continuità, che è incompatibile con gli alimentatori che hanno gli FPC attivi (fate come me quando il moroso mi ha spiegato cosa sono: muovete la testa, dite di sì alla domanda capito? e tutti sono contenti .. anche se non avete capito un fico secco!)
2 - la spina elettrica - modello inglese (vai a capire cosa passava nella testa dell'elettricista che ha fatto l'impianto negli anni '70)
3 - la messa a terra dell'appartamento, fatto ovviamente dallo stesso elettricista che ha messo la presa di cui sopra
4 - me, perchè ovviamente essendo adoratrice delle pratiche oscure (leggasi: mi piacciono i vampiri) emano una strana onda magnetica che destabilizza tutto ciò che appartiene al mondo informatico.

La prova del nove la faremo nella casa nuova.
Se tutto funzionerà, il moroso si prenderà - ovviamente - tutti i meriti, adducendo al fatto che è stato lui a capire subito cosa non andava.
Se tutto tornerà a non-funzionare come prima .. preparatevi: potrei finire al rogo come una vecchia strega maligna!