lunedì 24 ottobre 2016

Il fantastico nella letteratura per ragazzi

Lo ammetto: ho comprato questo saggio esclusivamente perchè una delle autrici è la amica bloggherella Pia.
Risultato? L'ho letto in un fiato, e mi è pure piaciuto molto.

Il fantastico nella letteratura per ragazzi
Dieci saghe letterarie famose analizzate secondo il loro punto forza, confrontate con il mondo attuale spiegandone il successo.
Da Harry Potter a Narnia, da L'ultimo elfo ad Hunger Games, da Percy Jackson alle Cronache del mondo emerso, da Bartimeus a Twilight senza dimenticarsi di Shadowhunters e Divergent.
La morte come elemento comune di Potter, la religione di Narnia, il genocidio e la guerra degli elfi, la rivincita di Hunger Games, il mito degli dei di Jackson, la crescita di Nihal, la libertà da conquistare di Bartimeus, l'adolescenza complicata di Bella ed Edward, la coscienza di sè di Cassanda Clare e le differenze di Divergent.
Ovvero, siete sicuri che si trattino solo di libri di fantasia?

E' un saggio complesso, completo, che lancia molti spunti di riflessioni legati a romanzi che, la maggior parte del pubblico dei lettori, considera esclusivamente per ragazzi. Ovvero storie semplici, di fantasia, con draghi, maghi, protagonisti adolescenti, vampiri, elfi. Il mondo degli adulti cataloga questi libri - e fateci caso in qualsiasi libreria dove entriate - in fantasy oppure per ragazzi.
In realtà dietro c'è un mondo complesso, pieno di riferimenti biblici, mitici, ricco di elementi di vita e pronto a spronare anche il lettore più timido. Un mondo dove i ragazzi si rifugiano ma anche dove possono trovare la forza per non lasciarsi sopraffare dal mondo esterno.

E' una lettura consigliatissima, a mio avviso, a chi vuole conoscere meglio il mondo di noi lettori young. Lo consiglierei anche le insegnanti: potrebbe essere un buon punto di partenza per trovare storie da consigliare ai loro piccoli alunni.

Sono esistite civiltà che non hanno avuto la ruota, ma non possono esistere civiltà che non raccontano storie.
- Silvana De Mari

1 appunti di viaggio:

cristinalattaro ha detto...

Grazie!